Ciao! Oggi voglio parlarti di obiettivi fotografici, in particolar modo ti spiegherò perché non serve avere un “obiettivo tuttofare”.

C’è una domanda che ricevo molto spesso: 

“Walter, qual è l’obiettivo tuttofare e definitivo?” 

Questa è una domanda che ti fai all’inizio perché non sai ancora bene cosa vuoi fotografare, quindi vorresti un obiettivo fotografico che faccia un po’ di tutto.

Oggi sono qui per spiegarti perché questa domanda non ti porterà a vincere nella fotografia ma ti porterà solo a buttare via soldi

Quale è la strada da percorrere per riuscire a scegliere bene i tuoi obiettivi fotografici

Innanzitutto, definisci bene che tipo di foto vuoi fare: per ogni settore e per ogni tipologia di scatto, troverai gli obiettivi ad hoc

In linea generale, obiettivi fotografici come ad esempio il 50mm, 85mm, 100mm, sono lenti più spinte ideali per il ritratto; mentre obiettivi grandangolari si prestano meglio per il paesaggio

Se invece cerchi obiettivi fotografici che abbiano un sacco di zoom, che ti permettano di fare paesaggio, ritratto e quindi coprire un grande range di focale, avrai un obiettivo di scarsa qualità o comunque di qualità inferiore rispetto ad avere un obiettivo fotografico fisso o con poco zoom. 

Avere un obiettivo tuttofare significa avere ad esempio un 18-200mm, super ampio. Avrà una lente di una qualità inferiore che non è stabilizzata e che farà perdere nitidezza. Questo perché più un obiettivo fotografico è lungo e ricco di lenti, più la luce dovrà passare attraverso vari step. Quindi ogni lente in più che la luce deve attraversare, farà perdere qualità e nitidezza.

Per questo gli obiettivi fissi vincono sempre sugli obiettivi zoom. 

Ci sono comunque dei buoni zoom (es. 70-200mm), però sconsiglio di andare a prendere obiettivi tuttofare superzoom. Altrimenti, prendere un obiettivo tuttofare che costa poco, comporterà poca luminosità: non può esistere un obiettivo tuttofare che sia f/1.4 o f/1.8.

È molto meglio capire in cosa vuoi specializzarti e poi prendere l’obiettivo adatto per quel tipo di fotografia, pur sapendo che bisogna trovare un compromesso tra ingombro e resa.

Io, ad esempio, utilizzo il 35mm per fare foto a persone (ritratti, ritratti ambientati), perché ha il vantaggio di essere f/1.4, dunque ha un ottimo bokeh ed è soprattutto luminoso.

Se vuoi acquistarlo ad un prezzo vantaggioso, clicca qui.

Come seconda ottica ho il 24-70mm, che mi permette di fare paesaggi (24mm) e ritratti (70mm). Lo uso quando devo fare ritratti e non voglio cambiare obiettivo oppure quando sono a un evento o un matrimonio e devo scattare un po’ da lontano. 

Se vuoi acquistarlo ad un prezzo vantaggioso, clicca qui.

Se usi full frame, a mio avviso, la scelta migliore è avere 24-70mm, 70-200mm e poi degli obiettivi fotografici fissi in base a ciò che ti serve.  

Ti sconsiglio di andare a comprare un obiettivo fotografico che copre la maggior parte delle focali e che costa poco, perché pagare poco una cosa che fa tutto non sarà mai ottima come pagare una cosa specializzata che costa di più che però è specifica. 

Non devi andare alla ricerca dell’obiettivo fenomenale tuttofare perché non esiste: dipende da te, dal tipo di foto che vuoi fare, dal tuo stile di vita.

Non cercare la lente che copra qualsiasi cosa perché l’obiettivo definitivo non esiste.

La strada migliore è dare un’occhiata alla mia playlist per farti un’idea per cercare la lente che fa al caso tuo: 

Non cascare nel tranello che un obiettivo con meno range, ovvero una focale più stretta, ti metterà in difficoltà perché ti dovrai muovere sempre: è meglio spostarsi sempre avanti e indietro, perché ti stimolerà a migliorare.

Se vuoi sapere come proteggere i tuoi obiettivi fotografici, ti consiglio di dare un’occhiata al post Come proteggere l’obiettivo della macchina fotografica.

Ti ringrazio per aver letto questo post sul mio blog! Spero ti sia stato utile!

Ci vediamo su Instagram | Youtube | Facebook

Guarda il video ispirato a questo post:

Articoli Correlati

1 Risposta
  1. Ciao Walter, ho scoperto da poco i tuoi canali, che trovo utili nell’ottica della condivisione. Se posso integrare con il mio punto di vista rispetto questo tuo post vorrei dire:
    1) se sei veramente un fenomeno l’attrezzatura conta fino ad un certo punto, almeno fino a quando non ti sia richiesto un lavoro professionale con delle caratteristiche ben precise. L’idea e la visione è sempre la parte che fa la differenza.,
    2) si può fare scatti di qualsiasi genere con qualsiasi tipo lente, anche se non è la più adatta. L’importante è che tu ti trovi adatto nella situazione.
    3) mi trovo d’accordo con l’utilizzo di lenti fisse, dove lo zoom è dettato dal tuo foot working. Chiaro se usi un grandangolo significa che ti vuoi avvicinare e quindi relazionare, un super tele se vuoi l’opposto e ancora molto più chiaro non voglio promuovere l’dea di fare bird watching con un 14mm.
    4) non ho mai comprato e mai comprero’ un obiettivo tuttofare, ma se sei in viaggio e non vuoi stare a cambiare obiettivi ogni 3 per 2 e, soprattutto, questo è un mezzo per crescere e capire come ti trovi meglio, allora ben venga anche un superzoom. Se posso però suggerirei di guardare all’usato, quindi quando ti sarai stancato di queste genere di lenti, che mi aspetterei prima o poi possa succedere, probabilmente riuscirari a rivenderla allo stesso prezzo o poco meno.

Lascia un commento